Dr. Matteo Diquigiovanni,    Doctor in Chiropratic (UK)

INTESTAZIONEDIQUI1_1,    Doctor in Chiropratic (UK)

via Fondazza 29, 40125 Bologna      Tel/Fax: 051 391546      Cell.:   +39 338 1468869   +39 338 1870251

About ME

About CHIROPRATIC

LANGUAGE Choice

Ernia del disco

There are no translations available.





Il termine ernia al disco indica la fuoriuscita di materiale del nucleo polposo del disco intervertebrale, causata dalla rottura delle fibre dell'anello fibroso che formano la parete del disco.



Gli stretti rapporti anatomici tra disco intervertebrale e radici nervose fanno sì che la protrusione del materiale discale  comprima meccanicamente le radici nervose adiacenti originando dolore.

Sotto l'azione di una pressione elevata (per esempio, in conseguenza del sollevamento di un peso eccessivo) può accadere che l'anello fibroso si "sfianchi", deformandosi sotto la spinta del nucleo polposo, (ernia "contenuta", o "protrusione"), o si "rompa", facendo fuoriuscire il nucleo polposo, (ernia "espulsa").


PROTRUSIONE DISCALE: il disco in questione appare più schiacciato rispetto a quello adiacente; le fibre che costituiscono l'anello fibroso si sfiancano, senza lacerarsi.
PROLASSO DISCALE: l'anello fibroso si fissura ma il legamento longitudinale posteriore riesce a contenere il nucleo polposo.
ESTRUSIONE DISCALE: il nucleo polposo fuoriesce perforando anche il legamento longitudinale posteriore.
ESPULSIONE DISCALE: parte del materiale erniato è completamente espulso e perde la continuità con il nucleo polposo.



L’erniazione del disco può verificarsi in diversi gradi e tipi, a seconda delle modalità di spostamento del nucleo comportando quindi una variazione dei sintomi e della gravità del problema (vedi tabella sopra).

risonanza lombare con ernia

Secondo le teorie più recenti, il dolore sarebbe in realtà generato non dal contatto diretto fra queste due strutture bensì dalla fuoriuscita dal nucleo discale, di un insieme di sostanze fortemente lesive per il nervo (neuropeptidi). A contatto con queste sostanze il nervo si irrita per rilascio di agenti infiammatori derivanti dalla degradazione delle proteine discali, quindi dolore.

Le sollecitazioni ai dischi sono tanto maggiori quanto più ci si avvicina al sacro (il peso sopportato dal disco aumenta con l'altezza della parte sovrastante), pertanto l'erniazione del disco è un evento rarissimo a livello delle vertebre dorsali, abbastanza raro nel tratto cervicale e frequente nel tratto lombare.

Le cause più frequenti della comparsa di un ernia al disco sono: carichi eccessivi, sollevamento dei carichi in maniera scorretta, atteggiamenti del corpo e posture errate, lesioni vertebrali, deficit muscolari e dei tessuti ligamentosi.




Discopatia è un termine utilizzato dai medici per indicare una generica alterazione del disco intervertebrale, quella specie di cuscinetto interposto tra una vertebra e l'altra con lo scopo di facilitare i movimenti ed ammortizzare gli urti.
Si tratta infatti di una semplice condizione di sofferenza discale che probabilmente sta alla base di un dolore non spiegabile con altre patologie degenerative delle strutture vertebrali. In altre parole, non notando anomalie significative della colonna, si imputa l'origine del dolore ad uno o più dischi che, all'esame diagnostico, appaiono leggermente schiacciati. Tale diagnosi è abbastanza vaga ed imprecisa.

Il discorso cambia quando si parla di discopatia degenerativa o quando il termine è inserito in un contesto più ampio (protrusione, erniazione, forte riduzione di spessore, alterazioni artrosiche ecc.).
L'insieme di questi processi favorisce l'erniazione discale e può portare, col passare degli anni, alla comparsa di artrosi vertebrale.
Queste anomalie possono irritare le strutture nervose adiacenti, scatenando dolore. Anche se il mal di schiena è il sintomo più comune associato a discopatia, nella maggioranza dei casi la patologia decorre in modo del tutto asintomatico.

CAUSE: mantenimento prolungato di posizioni statiche, come quella seduta, aggravate da sollecitazioni assiali come quelle a cui è sottoposta la colonna durante la guida. Altre possibili cause della patologia vanno ricercate nel normale processo di invecchiamento, nella sedentarietà e nella riduzione della performance fisica.

Riduzione dello spazio intervertebrale: significa che il disco intervertebrale interposto tra queste due vertebre è schiacciato. Grazie alla risonanza magnetica è possibile riconoscere questa generica discopatia anche in fase estremamente precoce.

Spondilolisi: difetto dell'arco vertebrale, una struttura anatomica situata posteriormente. Insieme al corpo, l'arco vertebrale forma un foro che, grazie alla sovrapposizione delle varie vertebre, dà origine e protezione ad un canale, detto vertebrale, in cui è contenuto il midollo spinale. La spondilolisi favorisce la spondilolistesi.
 


spondilolistesiSpondilolistesi: scivolamento di una vertebra sull'altra. Può causare compressioni delle radici nervose e scatenare dolore.

Artrosi: processo degenerativo delle articolazioni associato all'invecchiamento. Talvolta inizia già intorno alla terza decade di vita e, in uno stadio avanzato, causa rigidità, dolore e limitazione dei movimenti. L'artrosi vertebrale è spesso associata a discopatia degenerativa.